La progettazione per l’a.s. 2010/11 intende:

1. ampliare le occasioni di apprendimento della lingua tedesca
come strumento di integrazione nella comunità locale
2. favorire l’incontro tra gli alunni delle scuole in lingua italiana
e tedesca come terreno di conoscenza reciproca e di
esperienza linguistica strutturata
3. definire la cornice di un sistema in termini di curricolo che
garantisca continuità rispetto al ricambio di insegnanti con le
piste privilegiate:

educazione ambientale

apprendimento della lingua tedesca











PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA

-CURRICOLO D’ISTITUTO-



__
Anno Scolastico 2009-2012

PRESENTAZIONE

Il Piano è il documento fondamentale costitutivo dell’identità culturale e progettuale delle istituzioni scolastiche ed esplicita la progettazione curricolare, extracurricolare, educativa ed organizzativa che le singole scuole adottano nell’ambito della loro autonomia.
Il Piano dell’offerta formativa è elaborato dal Collegio dei docenti sulla base degli indirizzi generali delle attività della scuola e delle scelte generali di gestione e di amministrazione definiti dal Consiglio di Istituto, tenuto conto delle proposte e dei pareri formulati dagli organismi territoriali e dai genitori (L.P. 12/00: Regolamento dell’autonomia scolastica).

Il P.O.F., superando la progettazione per ambiti, attua percorsi formativi armonici e connessi. In questo senso, il P.O.F. viene a sperimentare in particolare:
interventi volti a rivisitare i contenuti curricolari delle diverse materie d’insegnamento e dei vari progetti di apprendimento/formazione, attraverso una riorganizzazione dei propri percorsi didattici secondo modalità mirate a perseguire specifici obiettivi e competenze;
compensazioni ed integrazioni curricolari tra le discipline di studio e le attività didattico - educative così come previste, in modo standardizzato, dagli attuali ordinamenti scolastici.

CURRICOLO D’ISTITUTO

Sulla base della Deliberazione della Giunta Provinciale n. 1928 del 27 luglio 2009, al fine di garantire l'esercizio del diritto-dovere all’istruzione e alla formazione, l’Istituto Pluricomprensivo Dobbiaco Alta Pusteria adotta, nell’ambito della propria autonomia, l’individualizzazione e la personalizzazione dell’apprendimento degli alunni, in applicazione della Legge Provinciale 29 giugno 2000 n. 12 e della Legge Provinciale del 16 luglio 2008 n. 5, definendo un proprio curricolo verticale e progressivo, differenziato e flessibile per realizzare percorsi formativi rispondenti ai bisogni educativi e alle attitudini di ciascun alunno.
In particolare nel presente documento è presentato il curricolo di Cittadinanza e Costituzione e della Competenza Digitale che, nella loro dimensione trasversale e cross-curricolare, costituiscono un filo conduttore di collegamento e integrazione fra i curricoli delle singole discipline e fra i curricoli dei diversi ordini di scuola, da quella dell’infanzia fino a quella secondaria di primo grado.

Il presente documento è stato approvato da:
Collegio dei docenti nella seduta del 28 aprile 2010;
Consiglio di Istituto nella seduta del 28 aprile 2010.

CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Nelle linee guida offerte per l’area curricolare trasversale dedicata a Cittadinanza e Costituzione, la Provincia di Bolzano propone per il primo ciclo di istruzione una vasta gamma di conoscenze e competenze specifiche volte alla costruzione di un profilo in uscita complesso e articolato. Ciascuna disciplina è chiamata a fornire il proprio contributo affinché le competenze stabilite possano essere acquisite, pianificando strategie e mettendo in atto azioni educative inerenti a quelle aree denominate Cittadinanza democratica, Educazione stradale, Educazione ambientale, Educazione alla salute, Educazione alimentare e Affettività.
Ogni singolo insegnante è esplicitamente chiamato a porsi obiettivi che non riguardino soltanto il proprio specifico ambito disciplinare, ma anche una sfera trasversale, obiettivi educativi progressivi e condivisi da tutti coloro che all’interno della scuola sono chiamati ad interagire con l’alunno e l’alunna, e volti a formare la figura di un cittadino attivo e consapevole, capace di esprimere un’identità propria e di apportare un contributo personale e positivo alla società in cui è inserito.

L’organizzazione di conoscenze e competenze indicate nel documento provinciale ruota intorno ad alcuni nuclei fondamentali:
conoscenza e accettazione di sé e dell’altro da sé, in qualsiasi situazione si esprima questa alterità, capacità di elaborare i costrutti dell’identità personale;
elaborazione di valori e stili di vita personali (nel rispetto delle norme stabilite);
presa di coscienza delle norme che regolano la convivenza civile, rispetto delle stesse e partecipazione alla loro elaborazione;
conoscenza e senso di appartenenza alle istituzioni, dalla dimensione locale a quella europea;
assunzione di responsabilità nelle scelte operate per se stesso e per gli altri;
partecipazione attiva ed impegno volto ad un miglioramento della società di cui si è parte;
attenzione per l’ambiente.

Data la complessità e la vastità dell’ambito, le Indicazioni Provinciali non possono che fornire uno spunto, una piattaforma base a partire dalla quale ogni singolo istituto dovrà elaborare un proprio progetto educativo, formulato a partire dalla specificità del contesto in cui opera, dalle esigenze formative dei suoi allievi e dalle effettive possibilità di collaborazione con agenzie formative di altra natura.
Indipendentemente dalle più specifiche scelte operate, si raccomanda che il curricolo mantenga in ogni singola realtà un carattere di trasversalità, che sia pratico ed esperienziale, che si articoli in maniera verticale e progressiva, che sia condiviso e orizzontale, nella sua necessaria interazione con famiglie e territorio.

Il filo rosso per la progettazione di un curricolo verticale che accompagni il ragazzo anno dopo anno, dall’ingresso nella scuola per l’infanzia all’uscita dalla scuola secondaria di primo grado, sarà rappresentato dall’acquisizione di una singola macrocompetenza; l’intento è far sì che alla fine del primo ciclo di istruzione l’alunno sappia davvero interagire positivamente con l’ambiente naturale e sociale circostante.
Pur tenendo conto che le aree di Educazione alla Cittadinanza e Educazione Ambientale non possono che essere considerate componenti strutturali di questo filo rosso, ogni scuola lavorerà allo sviluppo di tale macrocompetenza seguendo le strategie e applicando le modalità più idonee al raggiungimento di obiettivi progressivi stabiliti in base alla fascia d’età considerata.
Si lavorerà ogni anno al raggiungimento di progressive competenze relative all’obiettivo cardine prestabilito e ciò avverrà attraverso:
la progettazione di percorsi che portino gli alunni a interagire con la comunità di lingua tedesca e, laddove possibile, l’organizzazione di attività laboratoriali comuni;
la progettazione di una o più attività a carattere ambientale in collaborazione con il Grand Hotel di Dobbiaco;
lo sviluppo di un lavoro interdisciplinare in orario curricolare.


Di seguito sono evidenziate competenze e conoscenze che caratterizzeranno il percorso educativo nella scuola dell’infanzia, nella scuola primaria e nella scuola secondaria di primo grado.

Scuola dell’Infanzia
Competenza
Prendersi cura: attesa, fiducia, speranza, delicatezza nell’avvicinarsi all’altro, provocando una potente reazione di scambio.
Decentrarsi: uscire dal proprio punto di vista perché non è l’unico, ma uno dei tanti; la fatica di decentrarsi consente di uscire dal proprio egocentrismo.
Ascoltare: dare la parola allo sguardo, al silenzio comunicando messaggi di benvenuto.
Dialogare: confrontarsi con l’altro decentrandosi dal proprio vissuto emotivo
Identità
Personale: individualità corporea, crescita psicofisica.
di genere: differenza che taglia trasversalmente tutte le altre ed è presente in ogni cultura; riconoscimento della persona nella sua unicità e integrità.
di territorio: la comunità familiare e locale.
Etnica: visione delle culture, delle religioni, organizzazioni sociali.
Autonomia
Autostima: imparare per errori, dagli incontri nascono conflitti e si riconoscono ed esprimono emozioni.
Responsabilità: partecipazione alle decisioni, riflessione sui proprio comportamenti e su quelli altrui.
Etica: fratellanza come comprensione, condivisione, aiuto, cooperazione.
Cittadinanza, il sé l’altro, le culture
Partecipazione: consapevolezza che si è parte e costruttori di una cultura che produce cittadinanza.
Diritti: si è soggetti di diritti universali che fondano la promozione di una nuova qualità di vita.
Educare alla pace: costruire la comprensione, il dialogo, la convivialità, la condivisione, la sostenibilità.
Sguardo plurale: visione del mondo che incontra altre visioni.
Stupore per la scoperta della dipendenza di tutti gli esseri.

La valutazione avviene attraverso l’osservazione diretta del bambino. E’ opportuno che questi venga osservato nelle sue azioni. Questa osservazione permette il confronto tra comportamenti in tempi precedenti e comportamenti modificati in seguito allo stimolo offerto dalla scuola, in modo da accertare lo sviluppo delle competenze.

Scuola Primaria
Traguardi per lo sviluppo delle competenze
Lo studente dovrà dimostrare di saper riconoscere, documentare, testimoniare situazioni e ruoli legati all’espressione dei valori (nuclei fondanti), quali:
Identità/alterità (presa di coscienza di sé – rispetto del punto di vista altrui ecc.)
Prosocialità (regole e norme di comportamento – negoziazione delle stesse)
Attenzione all’ambiente
Cittadinanza “attiva”, ovvero costruzione di un “futuro cittadino”.
Nodi critici:
Organizzazione a livello didattico di tale area interdisciplinare (soprattutto in riferimento ai tempi scolastici delle varie discipline)
La valutazione: necessità di trovare strumenti – criteri condivisi di valutazione (anche in riferimento alla valutazione dei processi e non solo degli esiti)
Relazione tra la pratica della cittadinanza e le aree disciplinari
Importanza dell’autovalutazione dell’alunno (“Cosa sei disposto a fare?”; “Quali sono le tue aspettative?” etc.).
Proposte di attività per le Classi I e II
“Crescere è un gioco meraviglioso con i consigli di Luporosso”, edizione Mondadori, autore Colombi Mario.
Letture illustrate e condivisione in classe:

“Buona educazione”
“Abbasso la paura”
“Lavarsi è bello”
“Cibi buoni, cibi giusti”
“Sulla strada”
“Nessuno è perfetto”
“Attenzione: pericolo!”
“Buoni o cattivi?”
“Vorrei un cucciolo”
“Il mio ecogalateo”.
Proposte di attività per le Classi III, IV e V
Collana che propone in modo ludico tutte le domande importanti che i bambini tendono a fare su se stessi, la vita, il mondo: “Piccole grandi domande”, edizioni Junior.

“Che cos’è la libertà?”
“Che cosa i sentimenti?
“Chi sono io?”
“Che cos’è il bene? E il male?”
“Che cos’è la vita?”
“Vivere insieme…che cos’è?”
Obiettivi trasversali in termini di competenze specifiche
Promuovere atteggiamenti di ascolto/conoscenza di sé e di relazione positiva nei confronti degli altri
Avviarsi a comprendere che la lingua cambia a seconda di interlocutore e contesto
Sviluppare la propria capacità di ascolto delle opinioni altrui all’interno del gruppo, rispettandole e stabilendo relazioni positive
Dimostrare collaborazione, fiducia e senso di responsabilità nei confronti dei compagni, contribuendo a stabilire regole per una convivenza democratica.
Esprimere i propri stati d’animo ed emozioni (piani verbale e non verbale)
Promuovere atteggiamenti di tutela e rispetto dell’ambiente
Manifestare il proprio punto di vista in forme corrette e argomentate
Essere disponibili a partecipare a giochi e attività che richiedono impegno e pongono difficoltà da superare; rispetto delle indicazioni e regole
Rispettare tempi e spazi comuni.

Griglia di valutazione delle competenze sviluppate – scuola primaria

VOTO
COMPETENZE
Livello avanzato
10
Manifesta approfonditamente il proprio punto di vista e le esigenze personali in forme corrette e argomentate.

Ascolta con interesse i punti di vista degli altri e interagisce efficacemente nel rispetto reciproco e delle regole di comunicazione, comprendendone il loro senso e scopo, per un confronto critico.

Riconosce e valorizza le diversità, mettendo in atto comportamenti responsabili e corretti, comprendendo le ragioni dei comportamenti altrui.

9
E’ consapevole del proprio punto di vista e delle esigenze personali e li manifesta in modo articolato.

Ha consapevolezza delle regole stabilite nei diversi contesti, è collaborativo e mette in atto comportamenti corretti nel rispetto dei punti di vista altrui.

Accetta, rispetta, aiuta gli altri, mettendo in atto comportamenti costruttivi che favoriscano la conoscenza e l’incontro con l’altro, con culture ed esperienze diverse.

Livello medio
8
E’ consapevole del proprio punto di vista e delle esigenze personali e li manifesta con chiarezza.

Sa rispettare le regole stabilite nei diversi contesti e nel rispetto degli altri.

Attua comportamenti rispettosi verso i coetanei e sa riconoscere nelle esperienze di vita quotidiana il valore della diversità.

7
E’ relativamente consapevole del proprio punto di vista e delle esigenze personali, per cui li manifesta in modo non sempre preciso.

Rispetta a grandi linee le regole basilari della convivenza civile ma non è in grado di collaborare in modo efficace con i suoi pari.

Attua comportamenti rispettosi verso l’altro, interagendo con esso in occasione di iniziative comuni e nella condivisione quotidiana degli spazi.

Livello
base
6
manifesta il proprio punto di vista e le esigenze personali in forme non sempre chiare e corrette.

Non sempre rispetta le regole basilari della convivenza civile in classe, in occasione di uscite didattiche e/o altre occasioni particolari e nei diversi ambienti della vita quotidiana.

Applica comportamenti sufficientemente responsabili e corretti nei confronti dell’”altro da sé”.

Livello inferiore
5
Raramente manifesta il proprio punto di vista e le esigenze personali in forme corrette.

Non ha sufficiente consapevolezza e rispetto dei punti di vista degli altri e non comprende la funzione della regola in classe, a scuola e nei diversi ambienti della vita quotidiana (cortile, gruppi spontanei, strada ecc.).

Si dimostra poco collaborativo e tollerante di fronte al “diverso da sé”.

Scuola secondaria di primo grado

La scuola secondaria di primo grado lavorerà annualmente all’acquisizione della macrocompetenza individuata come filo rosso da seguire lungo tutto il percorso dell’alunno all’interno dell’Istituto Pluricomprensivo dell’Alta Pusteria attraverso: un laboratorio teatrale pomeridiano organizzato in collaborazione con la scuola tedesca; una specifica area di progetto dedicata in orario curricolare all’acquisizione di competenze specifiche nell’ambito dell’interazione con ambiente e società; un breve percorso pluridisciplinare volto all’acquisizione di competenze specifiche relative alle aree dell’affettività, della salute, dell’alimentazione e dell’educazione stradale.
Laboratorio teatrale. Il laboratorio teatrale rappresenterà l’offerta portante della scuola per quanto concerne le attività facoltative pomeridiane, avrà durata annuale e si avvarrà dell’ausilio di un esperto esterno; attraverso l’educazione alla teatralità si svilupperà un percorso volto a condurre i ragazzi all’acquisizione di abilità individuali nel campo della recitazione e ad una maggior consapevolezza di sé, dell’altro da sé e del potenziale che ogni relazione ha in sé.
Area di progetto. Un’ora curricolare alla settimana sarà dedicata durante tutto l’anno scolastico all’elaborazione di un progetto tripartito, condiviso, pensato e messo in atto da un gruppo di docenti dati (4), chiamati ad interagire fra loro e con gli alunni in direzione dello sviluppo delle microcompetenze individuate per quella specifica annualità nelle aree di cittadinanza e ambiente.
L’area di progetto avrà un’articolazione modulare ed ogni modulo avrà la durata di 11 settimane.
Nella classe prima l’insegnante di Storia collaborerà con l’insegnante di Religione, con l’insegnante di Arte e con l’insegnante di Musica.
Nella seconda classe l’insegnante di Storia collaborerà con l’insegnante di Scienze, con l’insegnante di Religione nel e con l’insegnante di Inglese.
Nella classe terza l’insegnante di Storia collaborerà con l’insegnante di Tedesco, con l’insegnante di Scienze e con l’insegnante di Religione.
Il progetto di Educazione ambientale d’ Istituto fornirà contenuti, nello specifico dell’ambiente che possono essere affrontati a moduli o secondo un percorso annuale.
Breve percorso pluridisciplinare su un’area data. Il lavoro dedicato alle sfere dell’emotività, della salute, dell’alimentazione e della mobilità sarà articolato per singole annualità, in modo tale da poter concentrare energie e risorse su un numero relativamente ristretto di obiettivi, ma annualmente ben definiti:
nella classe prima gli insegnanti di Lettere e Arte/Musica elaboreranno un percorso pluridisciplinare sul tema dell’affettività;
nella classe seconda gli insegnanti di Lettere e Scienze elaboreranno un percorso pluridisciplinare su salute ed alimentazione;
nella classe terza gli insegnanti di Tecnologia e Scienze elaboreranno un percorso pluridisciplinare sui temi della mobilità e della sostenibilità ambientale.
Tutto ciò avverrà durante l'orario curricolare, nelle ore delle materie coinvolte, possibilmente facendo in modo che gli insegnanti lavorino in compresenza. Ad ogni percorso sarà dedicato un numero di ore definito (da 8 a 10 ore).

Scuola Secondaria

Classe I
Educazione alla cittadinanza
Educazione ambientale
L’alunna, l’alunno sa:
comunicare opinioni personali in forma appropriata e motivarle adeguatamente;
rispettare le regole stabilite nei diversi contesti, riflettere sul loro senso e scopo, percepirle come una risorsa per sé e per gli altri;
riconoscere, comprendere e utilizzare diversi linguaggi espressivi, anche al di là di quello verbale.
L’alunna, l’alunno sa:
stabilire relazioni tra problematiche a carattere ambientale e intervento dell’uomo;
fare ricerche su attività ed iniziative di diverse istituzioni che si occupano della tutela dell’ambiente e individuarne il livello di efficacia.
Annualità dedicata inoltre all’Educazione all’affettività
L’alunna, l’alunno sa:
riconoscere le proprie emozioni ed esprimerle adeguatamente;
riconoscere le proprie difficoltà e i propri bisogni e chiedere aiuto quando necessario;
riconoscere punti di forza e difficoltà altrui e offrire supporto quando necessario;
riconoscere i propri punti di forza, le proprie inclinazioni e capacità;
riconoscere punti di forza e difficoltà altrui e offrire supporto quando necessario;
relazionarsi con altri in modo consapevole, analizzare conflitti applicare forme per il superamento degli stessi.

Classe II
Educazione alla cittadinanza
Educazione ambientale
L’alunna, l’alunno sa:
interagire con l’ambiente naturale e sociale circostante e influenzarlo positivamente;
riconoscere e comprendere le diversità e interagire positivamente con esse;
riconoscere quali siano i propri diritti e doveri nei diversi ambiti della sua vita e percepire il valore di una regola come garanzia dei propri diritti e dei diritti altrui;
riconoscere azioni illegali e ingiustizie sociali.
L’alunna, l’alunno sa:
stabilire le dovute relazioni tra problematiche a carattere ambientale e intervento dell’uomo.
Annualità dedicata all’Educazione alla salute
L’alunna, l’alunno sa:
mettere in atto comportamenti sani e corretti, perseguendo il benessere fisico e psicologico proprio e altrui;
confrontarsi con la propria identità di genere e saper gestire i cambiamenti legati allo sviluppo;
riconoscere i rischi connessi all’uso di sostanze chimiche che inducono dipendenza o che aumentano le prestazioni.

... e all’Educazione alimentare
L’alunna, l’alunno sa:
operare scelte alimentari corrette, equilibrate, consapevoli e critiche;
leggere le informazioni necessarie per stabilire la qualità dei singoli prodotti alimentari;
confrontare e sperimentare abitudini alimentari di altri Paesi e stabilire il legame che intercorre tra alimentazione, cultura e territorio.
Classe III
Educazione alla cittadinanza
Educazione ambientale
L’alunna, l’alunno sa:
riconoscere quali siano i diritti fondamentali dell’uomo e le situazioni in cui vengono violati;
riconoscere quali siano i diritti del cittadino e le situazioni in cui vengono violati;
riconoscere le funzioni delle varie istituzioni (a livello locale, nazionali e internazionale) e selezionare l’ente a cui rivolgersi per trovare una risposta ai suoi bisogni;
leggere criticamente i messaggi offerti dai mass media e dalla realtà circostante.
L’alunna, l’alunno sa:
individuare quali siano le maggiori problematiche ambientali;
formulare delle riflessioni riguardo a uno sviluppo sostenibile, individuare o ipotizzare comportamenti coerenti con un modello di vita sostenibile;
fare ricerche su attività ed iniziative di diverse istituzioni che si occupano della tutela dell’ambiente e individuarne il livello di efficacia.
Annualità dedicata all’Educazione stradale
L’alunna, l’alunno sa:
applicare e promuovere comportamenti responsabili e rispettosi della normativa stradale;
riconoscere e valutare le situazioni di pericolo determinate da se stessi e dagli altri;
individuare quali siano i principali provvedimenti di pronto soccorso;
descrivere l’impatto della mobilità sull’ambiente.

Per la valutazione dell’ambito si potranno utilizzare i dati delle eventuali verifiche scritte e orali; si terrà conto degli esercizi svolti in classe, della puntuale esecuzione di lavori assegnati, dell’impegno nello studio, dell’interesse dimostrato, della capacità di usare i linguaggi specifici e degli interventi di ogni alunno/a nel corso delle lezioni e di tutte le attività svolte. Tutto ciò sarà analizzato in relazione alla situazione di partenza, al processo di apprendimento di ciascuno/a ed agli obiettivi educativi e di competenza individuati.
Ogni docente che avrà svolto attività, lavori, laboratori, progetti, approfondimenti e qualsiasi altra attività didattica che possa portare al conseguimento dei traguardi di competenza individuati contribuirà alla valutazione dell’ambito curricolare.
Al fine di formulare un voto complessivo e organico che tenga conto di tutto quanto sopra riportato, ogni docente indicherà su una apposita scheda, predisposta dal coordinatore di classe, il voto espresso in cifre che intende assegnare in base alla griglia di valutazione delle competenze, il numero approssimativo di ore di lezione dedicate e la tipologia di intervento svolta. Il coordinatore di classe raccoglierà le schede e in sede di scrutinio proporrà al Consiglio un voto frutto della media dei voti espressi da tutti i docenti. Sarà compito del Consiglio discutere, approvare o modificare il voto così proposto.

Griglia di valutazione delle competenze sviluppate

VOTO
COMPETENZE
Livello avanzato
10
Sa interagire positivamente con l’ambiente naturale e sociale circostante, esprimere un proprio modo di essere e proporlo agli altri, riconoscere, comprendere e valorizzare le diversità.
Sa leggere criticamente i messaggi offerti dalla realtà circostante e comunicare opinioni proprie motivandole adeguatamente.
Sa analizzare conflitti e applicare forme per il superamento degli stessi, chiedere e offrire supporto quando necessario.
Sa mettere in atto comportamenti sani e corretti, perseguendo il benessere fisico e psicologico proprio e altrui, applicare e promuovere comportamenti responsabili, riconoscere e valutare le situazioni di pericolo determinate da se stesso e dagli altri.
9
Sa interagire positivamente con l’ambiente naturale e sociale circostante, esprimere un proprio modo di essere e proporlo agli altri.
Sa riconoscere e comprendere le diversità, leggere criticamente i messaggi offerti dalla realtà circostante, comunicare opinioni proprie motivandole adeguatamente. Sa riconoscere punti di forza e difficoltà propri e altrui, chiedere e offrire supporto quando necessario.
Sa mettere in atto comportamenti sani e corretti, promuovendo il benessere fisico e psicologico proprio e altrui, applicare e promuovere comportamenti responsabili, riconoscere e valutare le situazioni di pericolo determinate da se stesso e dagli altri.
Livello medio
8
Sa rispettare le regole stabilite nei diversi contesti, riflettere sul loro senso e scopo, riconoscere e rispettare le diversità, comunicare opinioni personali in forma appropriata e motivarle adeguatamente.
Sa chiedere e offrire supporto quando necessario, mettere in atto comportamenti sani e corretti, perseguendo il benessere fisico proprio e altrui, applicare e promuovere comportamenti responsabili e riconoscere le situazioni di pericolo.
7
Sa rispettare le regole stabilite nei diversi contesti, riconoscere e rispettare le diversità, comunicare opinioni personali in forma appropriata.
Sa chiedere e offrire supporto quando necessario, mettere in atto comportamenti sani e corretti perseguendo il proprio benessere fisico, applicare comportamenti sufficientemente responsabili e riconoscere le situazioni di pericolo.
Livello
base
6
Sa rispettare a grandi linee le regole basilari della convivenza civile e l’ambiente circostante, ma non è sempre in grado di collaborare in modo proficuo con i pari.
Ha relativa consapevolezza dei propri punti di forza e delle proprie difficoltà, fatica a chiedere supporto quando necessario ma accetta di buon grado aiuto quando gli viene spontaneamente offerto.
Sa mettere in atto comportamenti sufficientemente sani e, generalmente, riconoscere le situazioni di potenziale pericolo per se stesso o per gli altri.
Livello inferiore alla base minima
5
Non sempre rispetta le regole basilari della convivenza civile, è poco collaborativo e non rispetta l’ambiente circostante.
Non sa proporre un personale modo di essere e tende a dimostrarsi scarsamente tollerante di fronte a comportamenti e opinioni altrui.
Ha scarsa consapevolezza dei propri limiti e delle difficoltà altrui, fatica a chiedere e offrire supporto quando necessario.
4
Non rispetta le regole basilari della convivenza civile, l’ambiente circostante e più in generale le norme ufficialmente stabilite, si dimostra scarsamente collaborativo e troppo spesso intollerante di fronte all’altro da sé.
Non ha consapevolezza dei propri limiti e delle difficoltà altrui e mette in atto comportamenti scarsamente proficui per se stesso e per gli altri.

COMPETENZA DIGITALE

Per inserirsi a pieno titolo in un mondo dominato dalle tecnologie e per una consapevole partecipazione ad un mondo in rapida evoluzione dove il lavoro e le altre attività dell'uomo sono in costante evoluzione, per tutte le alunne e tutti gli alunni è indispensabile acquisire le competenze di base per utilizzare le TIC (Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione) e per impiegarle in modo consapevole e responsabile. L’obiettivo è di sostenere le alunne e gli alunni nel loro ruolo di futuri cittadini critici, creativi e capaci di comunicare e cooperare mediante tali mezzi. L’utilizzo degli strumenti digitali per l’elaborazione e per l’accesso ai dati nei diversi momenti formativi dovrà diventare quotidiano e naturale, soprattutto nell’utilizzo di informazioni e del sapere per sostenere il proprio apprendimento e favorire la creatività. Queste conoscenze prima e competenze poi diventano, quindi, parti integranti dell’intero curricolo.
La scuola non deve limitarsi ad educare ai media offrendo agli alunni e alle alunne quelle competenze necessarie per un loro uso consapevole, deve anche educare con i media, i quali sono in grado di fornire un concreto sostegno alla didattica tradizionale con un miglioramento nell'apprendimento. Alla scuola spetta anche il compito di trovare raccordi efficaci tra la crescente dimestichezza degli alunni con le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione e l’azione didattica quotidiana.
Le TIC possono offrire significative occasioni per sviluppare le competenze di comunicazione, collaborazione, problem solving, sono in grado di adattarsi al livello di abilità e conoscenze del singolo alunno promuovendo un apprendimento di tipo individualizzato ed autonomo, monitorando le prestazioni e il progresso dello studente.
Si propongono, quindi, come irrinunciabili per lo studente e la studentessa tre ambiti di competenze:
la padronanza della Rete e delle risorse multimediali;
la reale utilizzazione delle nuove risorse informatiche per l’apprendimento e l’acquisizione di competenze nuove ;
l’acquisizione di competenze essenziali, come la capacità di lavorare in gruppo, la creatività, la pluridisciplinarità, la capacità di adattamento delle innovazioni, di comunicazione interculturale e di risoluzione di problemi.
Le finalità formative delle TIC nella scuola possono essere sintetizzate nei seguenti punti:
sostenere l'alfabetizzazione informatica guidando lo/la studente/essa verso un utilizzo consapevole delle tecnologie;
facilitare il processo di insegnamento-apprendimento attraverso il sostegno alla didattica curricolare tradizionale;
fornire nuovi strumenti a supporto dell'attività professionale del docente;
promuovere situazioni di collaborazione nel lavoro e nello studio;
costituire uno degli ambienti di sviluppo culturale del cittadino.
Gli alunni e le alunne dovranno avere l'opportunità di sviluppare l’approccio alle TIC in tutte le discipline scolastiche per maturare sempre più la loro competenza digitale. Gli alunni e le alunne dovrebbero imparare ad utilizzare le TIC per cercare, esplorare, scambiare e presentare informazioni in modo responsabile, creativo e con senso critico, essere in grado di avere un rapido accesso a idee ed esperienze provenienti da persone, comunità e culture diverse.
In quest'ottica si accompagneranno gli alunni e le alunne a comprendere:
come selezionare in modo accurato materiale e informazioni reperite da varie risorse;
come sviluppare e presentare le proprie idee, monitorando e migliorando la qualità del proprio lavoro;
come scambiare e condividere informazioni;
come rivedere, modificare e valutare il proprio lavoro riflettendo criticamente sulla sua qualità anche mentre lo si sta realizzando.

Di seguito sono evidenziate competenze e conoscenze che caratterizzeranno il percorso educativo nella scuola primaria e nella scuola secondaria di primo grado.

Scuola Primaria
Classe I
Competenze
Conoscenze
Utilizzare il computer per eseguire semplici giochi didattici.

Utilizzare il computer per scrivere semplici testi al fine di comunicare idee.
Le principali parti e funzioni del computer.

Le funzioni di base dei programmi di videoscrittura per la produzione di semplici testi.

La stampa dei documenti.
Classe II
Utilizzare il computer per eseguire semplici giochi didattici.

Utilizzare il computer per scrivere semplici testi e inserire nei testi immagini al fine di comunicare idee.

Utilizzare le TIC come strumento per produrre, rivedere e salvare il proprio prodotto.
Le principali parti e funzioni del computer.

Le funzioni di base di un personal computer: icone, finestre di dialogo, file.

Le funzioni di base dei programmi di videoscrittura per la produzione di semplici testi.

La stampa dei documenti.
Classe III
Utilizzare il computer per eseguire semplici giochi didattici.

Utilizzare il computer per scrivere semplici testi e inserire nei testi immagini al fine di comunicare idee.

Utilizzare le TIC come strumento per produrre, rivedere e salvare il proprio prodotto.
Le principali parti e funzioni del computer.

Le funzioni di base di un personal computer: icone, finestre di dialogo, cartelle, file.

Semplici programmi di grafica e videoscrittura.

Le funzioni di base dei programmi di videoscrittura per la produzione di semplici testi.

La stampa dei documenti.
Classe IV
Utilizzare il computer per eseguire semplici giochi didattici.

Utilizzare il computer per scrivere semplici testi e inserire nei testi immagini al fine di comunicare idee.

Utilizzare il computer per creare tabelle.

Utilizzare il computer per organizzare, gestire e rappresentare i lavori realizzati.

Utilizzare le TIC come strumento per produrre, rivedere e salvare il proprio prodotto.

Progettare e realizzare nuovi lavori compiendo scelte su quali strumenti utilizzare.
Le principali parti e funzioni del computer.

Le funzioni di base di un personal computer: icone, finestre di dialogo, cartelle, file.

Semplici programmi di grafica e videoscrittura.

Le funzioni di base dei programmi di videoscrittura per la produzione di semplici testi.

La stampa dei documenti.

Le funzioni di base dei programmi per la creazione di tabelle.

Navigazione in una rete locale, accesso alle risorse condivise, scambio di documenti.
Classe V
Utilizzare il computer per eseguire semplici giochi didattici.

Utilizzare il computer per scrivere semplici testi e inserire nei testi immagini al fine di comunicare idee.

Utilizzare il computer per creare tabelle.

Utilizzare il computer per organizzare, gestire e rappresentare i lavori realizzati.

Utilizzare le TIC come strumento per produrre, rivedere e salvare il proprio prodotto.

Progettare e realizzare nuovi lavori compiendo scelte su quali strumenti utilizzare.

Recuperare e analizzare informazioni da fonti diverse.

Utilizzare le TIC per comunicare.
Le principali parti e funzioni del computer.

Le funzioni di base di un personal computer: icone, finestre di dialogo, cartelle, file.

Semplici programmi di grafica e videoscrittura.

Le funzioni di base dei programmi di videoscrittura per la produzione di semplici testi.

La stampa dei documenti.

Le funzioni di base dei programmi per la creazione di tabelle.

Navigazione in una rete locale, accesso alle risorse condivise, scambio di documenti

Griglia di valutazione delle competenze sviluppate – scuola primaria

VOTO
COMPETENZE
Livello avanzato
10
Conosce approfonditamente e sa descrivere in maniera articolata le principali parti di un computer e le funzioni delle varie componenti.
Sa utilizzare in modo responsabile e costruttivo le TIC per produrre, rivedere e salvare il proprio lavoro.
Sa progettare e realizzare nuovi lavori in modo autonomo.

9
Conosce e sa descrivere in maniera articolata le principali parti di un computer e le funzioni delle varie componenti.
Sa utilizzare in modo responsabile e autonomo le TIC per produrre, rivedere e salvare il proprio lavoro.
Sa progettare e realizzare nuovi lavori.

Livello medio
8
Conosce e sa descrivere la struttura le principali parti di un computer e le funzioni delle varie componenti.
Sa utilizzare in modo autonomo le TIC per produrre, rivedere e salvare il proprio lavoro.

7
Conosce e sa descrivere in modo generalmente preciso le principali parti di un computer e le funzioni delle varie componenti.
Sa utilizzare le TIC per produrre, rivedere e salvare il proprio lavoro.

Livello
base
6
Conosce e sa descrivere in modo non sempre preciso le principali parti di un computer e le funzioni delle varie componenti.
Sa utilizzare le TIC per produrre, rivedere e salvare il proprio lavoro.

Livello inferiore
5
Conosce in modo frammentario le principali parti di un computer e le funzioni delle varie componenti.
Se guidato sa utilizzare le TIC per produrre, rivedere e salvare il proprio lavoro.

Scuola Secondaria di I grado
Competenze
Conoscenze
Produrre, sviluppare, organizzare e presentare il proprio lavoro.

Trovare ed utilizzare le informazioni memorizzate in modo appropriato seguendo le indicazioni fornite.

Aggregare e modificare in varie forme e stili le informazioni raccolte da una varietà di fonti.

Comprendere l'esigenza di strutturare in modo chiaro le diverse informazioni consultate.

Interpretare con senso critico e valutare i risultati ottenuti da una ricerca di informazioni.

Utilizzare una sequenza di istruzioni per controllare e realizzare specifici risultati.

Riconoscere l'ambiente di simulazione come una rappresentazione semplificata di una realtà complessa.

Utilizzare un ambiente di simulazione manipolando in modo interattivo gli elementi presenti per studiare la loro influenza sul sistema e valutarne gli effetti e i cambiamenti provocati dalle loro modificazioni.

Utilizzare in modo consapevole diversi ambienti di simulazione cogliendo gli elementi e variabili essenziali, i loro rapporti, le regole che li governano e fare previsioni circa le conseguenze delle decisioni/azioni.

Individuare e riconoscere le principali funzioni di un applicativo mai utilizzato in precedenza.

Condividere e scambiare documenti sia attraverso una rete locale che attraverso semplici piattaforme presenti nel web.

Descrivere l'uso delle TIC nella scuola e al suo esterno.

Confrontare l'uso delle TIC con altri strumenti di lavoro utilizzati nella scuola e all'esterno.
Le principali periferiche (scanner, fotocamera digitale, stampante, lavagna interattiva, ...).

Le principali funzioni di un programma di videoscrittura, di un foglio elettronico e di un programma per generare presentazioni.

Le principali funzioni di un programma di grafica.

Alcune applicazioni volte alla produzione di documenti in formati specifici (html, ...).

Esplorazione delle risorse disponibili locali e remote.

Le regole per la navigazione consapevole e responsabile di un sito web.

La posta elettronica e le regole per un suo corretto utilizzo.

La ricerca avanzata, i diversi motori di ricerca e principali strategie per un loro corretto utilizzo.

I diversi strumenti offerti dalla rete (forum, chat, istant messenger, IRC, ...).

In conclusione, al termine del primo ciclo di istruzione per raggiungere i traguardi di sviluppo delle competenze gli alunni e le alunne:
scelgono quando e come usare le TIC nelle diverse situazioni;
utilizzano media digitali in situazioni e discipline diverse in modo autonomo, creativo e costruttivo e come sostegno nel proprio apprendimento;
acquisiscono informazioni di vario tipo attraverso strategie di ricerca, valutarle, selezionarle, elaborarle e presentarle in modo multimediale;
utilizzano in modo riflessivo e responsabile messaggi dei media elettronici e diversi strumenti di comunicazione e cooperazione;
valutano le ripercussioni del cambiamento tecnologico sul proprio ambiente di vita e sulla società.
Per la valutazione dell’ambito si potranno utilizzare i dati delle eventuali verifiche scritte e orali; si terrà conto degli esercizi svolti in classe, della puntuale esecuzione di lavori assegnati, dell’impegno nello studio, dell’interesse dimostrato, della capacità di usare i linguaggi specifici e degli interventi di ogni alunno/a nel corso delle lezioni e di tutte le attività svolte. Tutto sarà analizzato in relazione alla situazione di partenza, al processo di apprendimento di ciascuno/a ed agli obiettivi educativi e di competenza individuati.
Ogni docente che avrà svolto attività, lavori, laboratori, progetti, approfondimenti e qualsiasi altra attività didattica che possa portare al conseguimento dei traguardi di competenza individuati contribuirà alla valutazione dell’ambito curricolare.
Al fine di formulare un voto complessivo e organico che tenga conto di tutto quanto sopra riportato, ogni docente indicherà su una apposita scheda, predisposta dal coordinatore di classe, il voto espresso in cifre che intende assegnare in base alla griglia, il numero approssimativo di ore di lezione dedicate e la tipologia di intervento svolta. Il coordinatore di classe raccoglierà le schede e in sede di scrutinio proporrà al Consiglio un voto frutto della media dei voti espressi da tutti i docenti. Sarà compito del Consiglio discutere, approvare o modificare il voto così proposto.

Griglia di valutazione delle competenze sviluppate – scuola secondaria I grado

VOTO
COMPETENZE
Livello avanzato
10
Conosce approfonditamente e sa descrivere in maniera articolata la struttura e le funzioni delle varie componenti di un computer utilizzando la terminologia di base informatica
Sa utilizzare autonomamente le principali periferiche esterne
Sa utilizzare in modo responsabile e costruttivo le risorse disponibili locali e remote, condividendo e scambiando documenti
Sa utilizzare i principali comandi e procedure degli applicativi anche in situazioni nuove e complesse
9
Conosce e sa descrivere in maniera articolata la struttura e le funzioni delle varie componenti di un computer utilizzando la terminologia di base informatica
Sa utilizzare le principali periferiche esterne
Sa utilizzare in modo responsabile le risorse disponibili locali e remote, condividendo e scambiando documenti
Sa utilizzare i principali comandi e procedure degli applicativi anche in situazioni nuove
Livello medio
8
Conosce e sa descrivere la struttura e le funzioni delle varie componenti di un computer utilizzando la terminologia di base informatica
Sa utilizzare le principali periferiche esterne
Sa utilizzare in modo responsabile le risorse disponibili locali e remote, condividendo e scambiando documenti
Sa utilizzare i principali comandi e procedure degli applicativi in situazioni note
7
Conosce e sa descrivere le principali componenti di un computer utilizzando in modo generalmente preciso la terminologia di base informatica
Sa utilizzare le principali periferiche esterne con l'aiuto dell'insegnante
Sa utilizzare le risorse disponibili locali e remote, condividendo e scambiando documenti
Sa utilizzare i principali comandi e procedure di un programma degli applicativi in situazioni note
Livello
base
6
Conosce e sa descrivere le componenti essenziali di un computer utilizzando in modo non sempre preciso la terminologia di base informatica
Sa utilizzare le principali periferiche esterne con l'aiuto dell'insegnante
Sa utilizzare le risorse disponibili locali e remote, condividendo e scambiando documenti
Se guidato sa utilizzare i principali comandi e procedure degli applicativi in situazioni note
Livello inferiore alla base minima
5
Conosce in modo frammentario e non sa descrivere le componenti essenziali di un computer. Utilizza in modo impreciso la terminologia di base informatica
Non sa utilizzare le principali periferiche esterne
Sa utilizzare le risorse disponibili locali e remote, condividendo e scambiando documenti
Anche se guidato sa utilizzare solo alcuni comandi e procedure degli applicativi
4
Non conosce e non sa descrivere la struttura e le funzioni delle varie componenti di un computer utilizzando la terminologia di base informatica
Non sa utilizzare le principali periferiche esterne
Non sa utilizzare le risorse disponibili locali e remote condividendo e scambiando documenti
Non sa utilizzare i principali comandi e procedure degli applicativi