RELAZIONE DAY HOSPITAL ONCOLOGICO


LA SCUOLA IN OSPEDALE




Il Ministero della Pubblica Istruzione ha deciso di assicurare agli alunni ricoverati in ospedale un servizio di studi alternativo che permetta loro di non interrompere il percorso formativo della scuola primaria. Avere un insegnante a tempo pieno è importantissimo per questi bambini e per i loro genitori; la continuità didattica in una situazione di disagio diventa così un dovere morale e un diritto naturale che esula almeno in parte dalle rigide regole del legislatore per l’assegnazione di un monte ore adeguato alla delicatezza del caso. Sempre secondo il Ministero della Pubblica istruzione, come disposizioni di base, la scuola in ospedale deve tener conto della tipologia della malattia del minore degente,dei tempi delle terapie e della struttura del Day Hospital che lo ospita.
Nella strategia di lavoro basata sulla Pedagogia clinica, viene consigliato di privilegiare il rapporto con gli alunni ammalati costretti a letto attuando la relazione docente-alunno.
In questa relazione “privilegiata” il programma di studi non rispetta il tradizionale modello scolastico ma viene adeguato alla particolare situazione del bambino individualizzando ogni singolo intervento. Il percorso di studi individualizzato del bambino in ospedale prevede fondamentalmente da parte dell’insegnante il compito di promuovere l’istruzione degli alunni lungodegenti per attuare il diritto allo studio di tutti i minori nella scuola dell’obbligo. Di conseguenza risulta importante recuperare eventuali ritardi cognitivi dovuti alle patologie oppure alle terapie effettuate.
Il Ministero, inoltre, puntualizza l’importanza di programmare gli interventi per i bambini ricoverati in Day Hospital per lungo tempo.
Il programma scolastico in tale contesto diventerà quindi simile alla formula del PEI, dove il docente individualizzerà e personalizzerà il programma di studi del bambino ospedalizzato per lungo tempo.
Nei bambini le neoplasie sono la seconda causa di morte, dopo gli incidenti, tra i 0 e i 15 anni.
La più frequente è la leucemia, circa il 35% dei casi, seguita da quella al sistema nervoso centrale, dai linfomi, dai sarcomi dei tessuti molli e dalle neoplasie alle ossa.
Nel primo anno di malattia, sia per i frequenti controlli, sia per le caratteristiche della terapia particolarmente intensa ed invasiva, il bambino non riesce a frequentare la scuola e la sua vita quotidiana subisce un drastico e traumatico cambiamento.
La terapia antileucemica continua in situazioni normali per circa due anni, infatti circa l’85% dei casi raggiunge l’interruzione delle cure senza ricadute. Da quel momento inizia l’osservazione,della durata di circa tre o quattro anni, per controllare che il paziente sia realmente guarito.
Dopo l’esordio, passano circa cinque anni prima di portare la probabilità di riammalarsi del bambino ad una scarsa percentuale.
La scuola in un reparto di oncologia pediatrica deve tenere in considerazione la peculiarità dei vari casi in cui si trova ad operare.
Il bambino è spesso stanco e provato,impaurito dalle terapie e dalle situazioni che vengono a crearsi, cambia completamente il suo contatto con la realtà e il comportamento con le persone che lo circondano. L’insegnante, in un contesto così delicato, ha il difficile compito di interagire positivamente e proficuamente con i genitori e il personale ospedaliero al fine di rendere la permanenza del bambino in reparto un evento il meno possibile traumatico e penalizzante;compito talvolta veramente arduo considerando la gravità di alcune patologie.
I casi che a rotazione vengono settimanalmente seguiti dall’equipe medica sono circa una trentina, i pazienti hanno un’età compresa tra i due e diciassette anni e sono di entrambi i gruppi linguistici.
La richiesta, oltre a quella di insegnare utilizzando le due lingue, è di saper giocare con i bambini più piccoli adoperando vari giochi e materiali prendendo spunto anche dai loro input.
Questi bambini così sofferenti, nella maggior parte dei casi, instaurano un rapporto simbiotico con i genitori che fungono da “filtro” nei contatti esterni all’equipe medica.
Riuscire a relazionare con questi bambini ed entrare a far parte della loro realtà non avviene così automaticamente come in un qualsiasi altro ambiente scolastico.
Instaurare un rapporto esclusivo col bambino richiede parecchio tempo, il lavoro viene svolto in base alla relazione che si crea, la strategia metodologica deve garantire per quanto possibile il suo sviluppo psico-socio-affettivo.
Il ruolo dell’insegnante in una situazione così “estrema” è molto delicato, deve amare il proprio lavoro “traghettando”i propri allievi in una scuola un po’ inusuale ma proprio per questo unica e indispensabile poiché ha come priorità l’apprendimento alternativo del bambino gravemente malato e sofferente. Questo modus operandi riconosce che la vita è un dono, l’importanza di tutte le piccole cose, ma soprattutto che questi discenti sono piccoli eroi di oggi costretti a sopportare un fardello enorme con la voglia di guarire per tornare a giocare e a studiare con i loro coetanei. La speranza di tutti noi è che questi bambini diventino un domani gli adulti della nostra società e che riescano per quanto possibile a rimuovere il loro triste passato. La scuola ha un compito importantissimo e per raggiungere gli obiettivi previsti necessita di più risorse umane.
Il sorriso di questi bambini,in un contesto così drammatico, è la più grande soddisfazione che un insegnante possa avere e rappresenta il punto di partenza per una nuovo percorso scolastico.






Ins.te Paolo Liani